NOVO

Palluni Ruccati


https://


ITA “Palluni Ruccati” è l’ultimo singolo di Alessandro Novo, uscito in data 29.06.2021 che vede la partecipazione di MARIO INCUDINE ne “La voce del pescatore”.

EN “Palluni Ruccati” is the latest single by Alessandro Novo, released on 29.06.2021 which sees the participation of MARIO INCUDINE in “La voce del pescatore”.


Arrangiamenti: DARIO LISITANO
Mix e Mastering: JWOLF RECORDING STUDIO

DIRETTO da Alessando Capurro e Carlotta Ingemi
SCENOGRAFIA E MONTAGGIO: Carlotta Ingemi
DIREZIONE DELLA FOTOGRAFIA: Carlotta Ingemi e Giuseppe Spuria
RIPRESE: Alessandro Capurro, Carlotta Ingemi, Giuseppe Spuria, Marco Gismondo (drone)


Hanno collaborato alla realizzazione del brano: Santino Merrino (percussioni) e Fabrizio Marcellino (chitarra)

Testo e musica: NOVO

Un ringraziamento speciale va a coloro che hanno contribuito e preso parte alla realizzazione di questo videoclip


PALLUNI RUCCATI

n’te lameri i baracca i palluni ruccati,
ncagghiati sutta e machini e ginocchia scucciati
e graniti squagghiati,
pisci e frutta banniati,
i buci di pisciari comu serenati;
e i vecchiareddi n’ta strada
a scucciuliari i favi
pigghitinni na picca si hai fami.

chi non aviumu nenti,
ma riudiumu sempri,
piccireddi e ranni e vecchi senza denti……x2

o l’endass biliardini, gelati e mbriacuni.
ietta l’asu i mazzi sinnò su jastimi
e i luntanu fumu
e ciauru i tajunu, stigghioli e virina
ca birra messina,
e a duminica festa ranni,
pigghia u costumi e ietta i panni
n’ferra tuagghi guanteri e occhiali
chi scinnemu e scinnemu a mari,
tuffi e cuttigghiu e ritticchiu a tinchitè
ma un piscaturi dici vadda da chi c’è
ventu i punenti cancia a correnti
pi cu ridi e non avi nenti.

chi non aviumu nenti,
ma riudiumu sempri,
piccireddi e ranni e vecchi senza denti.

ma poi vinni u progressu e finiu stu giocu
ca modernità vulia chiù decoru
cacciaru i genti di stradi,
stutaru i fochi a mari
e fineru i palluni, i palluni ruccati,
e ora chi avemu i casi belli
e chini di minchiati, ma
si voi parrari cu quaccudunu
non sai chiù aunn’annari.

chi non aviumu nenti,
ma riudiumu sempri,
piccireddi e ranni e vecchi senza denti……x2

ammuccia, ammucciatedda,
a mucciti bonu, chi prima chi scura
forsi
ti trovu.


TRADUZIONE (IT)

Palloni arroccati (1)

nelle lamiere delle baracche i palloni arroccati
incastrati sotto le macchine e le ginocchia sbucciate
le granite squagliate
pesce e frutta urlati (2)
le grida dei pescatori come serenate
e i vecchietti in strada
a sbucciare fave
“prendine un po’ se hai fame”

Che non avevamo niente
ma ridevamo sempre
piccoli e grandi e vecchi senza denti

all’Endas calcio balilla, gelati e ubriaconi (3)
“Butta l’asso di mazze altrimenti sono bestemmie!”
e odore di tajone, stigghiole e virina (4)
con la birra Messina (5)
e la domenica festa grande
prendi il costume da bagno e getta i vestiti
prendi teli da mare, teglie e occhiali (6)
tuffi e pettegolezzi e risate incontrollate
ma un pescatore dice “guarda li cosa c’è
vento di ponente cambia la corrente
per chi ride e non ha niente”

Che non avevamo niente
ma ridevamo sempre
piccoli e grandi e vecchi senza denti

Ma poi è venuto il progresso ed è finito questo gioco
con la modernità volevo più decoro
hanno cacciato le persone dalle strade
hanno spento i fuochi a mare
e sono finiti i palloni, i palloni arroccati
e ora che abbiamo le case belle
e piene di minchiate, ma
se vuoi parlare con qualcuno
non sai dove andare

Che non avevamo niente
ma ridevamo sempre
piccoli e grandi e vecchi senza denti

“Nasconditi, nascondino,
nasconditi bene, che prima che fa sera
forse
ti trovo”

(1) in realtà quando un pallone si “rruccava” finiva in posti poco accessibili per un bambino:
Sui tetti, nei balconi abbandonati, nei terreni privati, nei rami degli alberi, sotto le macchine e così via.

(2) le “banniate” sono le urla che un venditore con una bancarella fa alle persone che comprano al mercato rionale. Per esempio “Signoraaaaa questi pesci hanno l’occhio vivooooo”. Ecco. Questo è banniare

(3) in realtà tutti i circoli ricreativi che avevano dei videogiochi, biliardi, o un semplice tavolino per giocare a carte sono chiamati Endas.

(4) lo street food centenario di Messina: intestino di mucca, budella di pecora, mammella di mucca tutto cotto ai ferri

(5) No. non è la birra Messina che conoscete adesso a livello nazionale. E’ la prima birra Messina. Quella con decenni di tradizione acquisita e stravolta dalla Heineken… lasciamo perdere, va!

(6) per “teglie” si intende la teglia di pasta al forno. Pranzo tipico di chi sceglie di stare tutto il giorno a mare


TRANSLATION (EN)

Perched balloons (1)

in the sheets of the shacks the perched balloons
stuck under cars and skinned knees
the melted slushes
screamed fish and fruit (2)
the cries of the fishermen like serenades
and the old men in the street
to peel broad beans
“take some if you’re hungry”

That we had nothing
but we always laughed
small and large and old without teeth

at the Endas table football, ice cream and drunkards (3)
“Throw away the ace of clubs otherwise they are blasphemies!”
and smell of tajone, stigghiole and virina (4)
with Messina beer (5)
and on Sunday a big party
grab your swimsuit and throw away your clothes
take beach towels, pans and glasses (6)
diving and gossip and uncontrolled laughter
but a fisherman says “look what there is
west wind changes the current
for those who laugh and have nothing “

That we had nothing
but we always laughed
small and large and old without teeth

But then progress came and this game ended
with modernity I wanted more decor
they kicked people off the streets
they put out the fires in the sea
and the balloons are gone, the balloons perched
and now that we have the beautiful houses
and full of bullshit, but
if you want to talk to someone
you don’t know where to go

That we had nothing
but we always laughed
small and large and old without teeth

“Hide, hide and seek,
hide well, that before it gets dark
perhaps
I find you”

(1) in reality when a balloon “crouched” it ended up in places not very accessible for a child:
On roofs, on abandoned balconies, on private land, in tree branches, under cars and so on.

(2) the “banniate” are the shouts that a vendor with a stall makes to people who buy at the local market. For example “Signoraaaaa these fish have a vivid eye”. Here it is. This is banning

(3) actually all the recreational clubs that had video games, billiards, or a simple table for playing cards are called Endas.

(4) the centenary street food of Messina: cow intestine, sheep guts, cow udder all grilled

(5) No. It is not the Messina beer you know now nationally. It is the first Messina beer. The one with decades of tradition acquired and upset by Heineken … forget it, go!

(6) “teglie” means the baking tray of baked pasta. Typical lunch for those who choose to stay all day at sea


WATCH OUR ARTISTS’ VIDEOS:

Artists’ Videos


SUBSCRIBE TO OUR NEWSLETTER


CONTACT

Fabrizio Borgosano

Fabrizio Borgosano
Email: info@coralriff.net
Mobile: +39 340 6953499
Website: www.coralriff.biz/